La Storia del CaffèSono molte le fonti e gli scritti che parlano del caffè, per questo la scoperta dei chicchi di caffè e del loro utilizzo è ancora avvolta nel mistero. Alcuni attribuiscono questa scoperta agli Etiopi, che usavano masticarle crude. I primi che invece usavano trattare il caffè tostandolo e macinandolo grossolanamente al fine di ottenerne un infuso caldo e gustoso furono gli arabi.
In effetti nel mondo Islamico, il caffè e l’usanza di prepararlo e di berlo è un fatto documentato in moltissimi scritti antichi risalenti al 500.

Nel mondo occidentale l’uso del caffè arrivò molto dopo, questo perché il caffè veniva associato appunto al mondo mussulmano, quindi la chiesa cattolica aveva condannato questa pianta e definito il caffè “la bevanda del demonio”.

Accampamenti OttomaniSembra che i primi sacchi di caffè in Europa furono rinvenuti negli accampamenti ottomani durante lo storico assedio di Vienna. Nessuno in Europa aveva mai visto quei semi, ne tanto meno sapeva come utilizzarli. Fu un Polacco, chiamato Kolschitzky, che aveva vissuto molti anni in Turchia, ad aprire la prima caffetteria a Vienna, chiamata “la bottega blu”. La bevanda era comunque molto amara e non ebbe tanto successo, fino a quando Kolschitzky decise di servirla mescolata a del latte e al miele, col fine di addolcirla e renderla più piacevole ai palati Europei: questa bevanda era l’antenato del cappuccino. Da lì in poi i caffè si diffusero velocemente in tutta Europa. Il caffè agli inizi era una bevanda pregiata e costosa, tanto che veniva venduta in farmacia, solo i ricchi potevano permettersela.

Botteghe del Caffè in Italia

In Italia i primi bar (chiamati all’epoca botteghe del caffè) furono aperti a Venezia nel 1645; successivamente questa nuova moda si diffuse in tutta Europa, tanto che all’inizio del 1700, ogni città Europea aveva almeno un locale dedicato che serviva caffè.

Da quel momento in poi i locali che servivano caffè si diffusero a macchia d’olio in tutto il mondo occidentale, il caffè veniva considerata una bevanda aristocratica da bere leggendo il giornale o discutendo di politica ed etica.

Share Button